Chi è nudo?

4 commenti

chi è nudo

Gran dibattito oggi su Fb a proposito di quello che è successo al seggio dove ha votato Berlusconi tra le tre donne a torso nudo che hanno inscenato una protesta e le forze dell’ordine. Mi ha aiutato a chiarirmi le idee per poi parlarne qui nella prospettiva della Difesa relazionale.

Tralascio dunque i discorsi sulla presunta messa in scena, o quelli sulle regole di ingaggio che costringerebbero i poliziotti a fare quello che hanno fatto. Non mi interessano. Il punto, come sempre, non è neppure giudicare chi ha torto o chi ha ragione, ma cosa può insegnarci quell’episodio sulla difesa e sulla violenza.

Per questo occorre tornare ai fondamentali della difesa.

Primo: difendere qualcosa a costo di mettere in pericolo o distruggere quello che si sta difendendo, non ha alcun senso

Cosa stavano difendendo i poliziotti presenti al seggio? L’ordine pubblico verrebbe da dire. Ora, tre donne che strepitano a torso nudo fanno più “disordine” pubblico di un tot di uomini in divisa che le afferrano (malamente), le strattonano, le trascinano via, le sbattono a terra? non credo. L’intervento della Polizia ha creato molto più caos di quanto non ne creassero le tre manifestanti. E questo è un fatto.Altri potrebbero sostenere che il poliziotti erano lì per difendere il politico importante presente e che è sempre a rischio sicurezza. Bene.

E se le tre signore fossero state un diversivo? Chiunque avrebbe potuto approfittare del caos creato dal corpo a corpo ingaggiato dagli agenti per attentare alla sicurezza dell’importante politico presente. E questo è un altro fatto.

A voler essere sofisticati, occorrerebbe ricordare che le Forze dell’Ordine, hanno il compito istituzionale di difendere sempre e comunque non qualsiasi tipo di “ordine”, ma l’ordine democratico. E difendere l’ordine democratico pestando di santa ragione chi protesta, sia pure in modo improprio, non mi pare aiuti a difendere l’ordine democratico. E questo è un principio. Di quelli a cui far riferimento sempre.

Quindi, a prescindere dal fatto che la responsabilità sia di poliziotti incapaci o mal addestrati oppure da strategie operative evidentemente discutibili, resta che quell’episodio fa mostra di una “difesa” pericolosa che mette a rischio invece che mettere in sicurezza.

Secondo: non si può immettere in una situazione di violenza, una quota di violenza superiore a quella che c’è

Per lo meno non dovrebbero farlo le forze cui è stata delegato il monopolio dell’uso della violenza al solo scopo di assicurare la difesa collettiva.

E’ del tutto evidente che i comportamenti dei poliziotti sono stati di gran lunga più violenti della pur sostenuta violenza verbale delle manifestanti. In questo modo si rischia di produrre un’escalation. Se intorno a quel seggio ci fossero stati gruppi di attivisti inclini all’uso della forza, sarebbe scoppiato un tumulto. Questo non è il modo di mantenere l’ordine pubblico.

Naturalmente nella difesa occorre anche tener conto delle minacce potenziali, non solo della violenza espressa in modo manifesto. Per questo ingaggiare un corpo a corpo con quelle donne è stato un errore: ha distolto risorse e attenzione al dovere di mettere in sicurezza la situazione nel suo complesso. Che pericoli potevano nascondere quelle manifestanti a torso nudo? Evidentemente nessuno. Dunque la reazione è stata sproporzionata, ha alzato la quota di violenza e ha messo a repentaglio tutti i presenti.

Terzo: ogni atto di difesa va compiuto nel tentativo di non trasformare l’avversario in un nemico
Fossi una di quelle donne, ora avrei voglia di urlare basta Polizia oltreché basta Berlusconi. Le Forze dell’ordine, in un paese democratico, devono essere rispettate. Ma sapere che se la fai appena fuori dal vaso vicino a qualche potente rischi di essere malmenato, portato in questura e accusato, per giunta, di resistenza a pubblico ufficiale, non contribuisce ad aumentare il gradimento nei confronti dei tutori dell’ordine.

In quella situazione, per come è stata gestita, il nemico erano le tre manifestanti e quello da difendere Berlusconi. Con questa mentalità non andiamo lontano.

In quella situazione andava difeso Berlusconi dal rischio che una delle tre manifestanti gli arrivasse addosso. Era sufficiente tenerle lontane e far uscire Berlusconi. Ma andava anche difeso il seggio che è un luogo sacro per la democrazia, tenendo il più basso possibile lo scontro. E, infine, andavano difese le tre signore che hanno usato il proprio corpo per protestare, mentre l’averlo colpito e umiliato, quel corpo, finisce con il ricordare a tutti noi che corriamo lo stesso rischio.

Difendere è giusto, ma occorre farlo nel modo giusto. Difendere a qualunque costo, invece, significa accettare a priori la possibilità di farlo nel modo sbagliato

Quindi se qualcuno, a maggior ragione se è un pubblico ufficiale, pensa di dovermi difendere a qualunque costo, sappia che non sono d’accordo e mi difenderò dalla sua pericolosa protezione.

Palcoscenici e allestimenti

1 commento

Oggi ho terminato un percorso di supervisione. Temi ricorrenti: corpi, spazi, disposizione, percezione del rischio. Sembra che Difesa relazionale faccia spesso capolino anche in setting molto diversi…

Comunque è venuto a un certo punto di parlare dello Spazio neutro, un servizio che si è piuttosto diffuso in questi anni. Luogo di incontri protetti tra genitori e figli che per qualche motivo non possono vedersi se non in quel posto. Dunque uno spazio attraversato da relazioni difficili che in quello spazio possono trovare un’occasione di incontro.

Mi sono chiesto spesso perchè chiamarli “spazi neutri”. Ovvio, ci sono mille motivazioni, ma i nomi sono importanti e producono immaginari talvolta pesanti. Ho pensato che il nome potrebbe trovare un senso se immaginato come un palcoscenico. In fondo il palcoscenico è per sua natura neutro, sin quando non viene allestito. Ovvero sino a quando non viene creata la scena che caratterizzerà la rappresentazione. Forse dunque è questo uno “Spazio neutro”: un palcoscenico vuoto che di volta dovrebbe essere allestito per quell’incontro particolare. Strutturato con ciò che di quell’incontro e a quell’incontro deve parlare.

A ogni modo, lo scritto che ho appena messo nella sezione Scritti, La scena educativa, mi pare possa fornire spunti importanti. Dunque rinvio nuovamente alla sua scheda.

.

I avrei un dream

7 commenti

Ne parlavo l’altro ieri sera davanti a una birra con Valerio, il mio socio marziale di sempre. E’ un rito parlare davanti a una birra, anche se la mia è acqua minerale. E’ come vediamoci-per-un-caffè: conta il “vediamoci”, il caffè, mettiamola così, è un accessorio situazionale. Lui è uno stratecnico, io, diciamo, la butto sul creativo. Forse lui è il geek dell’arte marziale e io l’hippy… A ogni modo ricorrono nei discorsi birraioli i nostri corpi e quel che facciam fare loro. O che loro fanno fare a noi. O che facciamo perchè siamo quei corpi. Insomma, è tutto uno sciorinare di tecniche, movimenti, sensazioni, propriocezioni. Una palla per chiunque altro sia lì, costretto ad ascoltare.

Ieri sera però ho provato, per il tempo della birra, a rimettermi i panni del praticante. Valerio, ho esordito, ho un sogno! Ho pensato alla palestra che vorrei. Che vorrei frequentare, intendo dire. L’esercizio evergreen del mettersi nei panni dei propri destinatari è un cavallo di battaglia nella mia pratica professionale. Si crea ogni volta un momento di disorientamento cognitivo fondamentale quando chiedo a un qualsiasi operatore cosa vorrebbe trovare se fosse un utente del servizio di cui è operatore… Chiedermi che palestra vorrei frequentare, dunque, ha sortito come primo effetto rendere evidente il fatto che non riesco a frequentarne alcuna. Da tempo. Dopo averne attraversate di tutti i tipi, naturalmente.

Non mi piacciono i centri fitness. Anzitutto. Troppe cose, troppa luce, troppa musica, sbagliata per giunta, troppi muscoli e, soprattutto, troppo sudore inutile. Ore, giorni, mesi dedicati a un bicipite. Per farmene che? Ma il tratto dei centri fitness che mi piace meno è la solitutidine dei corpi. Ma se sono affollati…! sì, anche un mercato è affollato, ma anche in un mercato ci si può sentire soli. In un centro fitness il rapporto fondamentale è quello tra corpo e attrezzo. Ognuno lavora per conto suo e l’incontro con l’altro è marginale. Smanetto e sbuffo con un bilanciere o con un tapis-roulant e intanto faccio due chiacchiere con il vicino. I corpi non si incontrano, sudano in prossimità. Attività in gruppo comprese.

Non mi piacciono i centri benessere. In secondo luogo. Troppa aria misticheggiante, troppo candore, troppo incenso, troppi sorrisi, troppa enfasi sulla pace interiore, l’equilibirio e le interpretazioni karmiche, troppo esoterismo. E niente sudore, tranne che in sauna. Sembra che il problema principale di un corpo in quei luoghi sia ripulirsi dentro e fuori. I corpi si limitano a sfiorarsi con delicatezza, immersi in un’aura di pace e serenità che termina sulla soglia del Centro. Fuori il mondo è un’altra cosa e con i centri benessere non ha nulla a che fare. Insomma, i centri benessere sono un’oasi di finzione e invece di rilassarmi, mi irritano.

Infine, non mi piacciono (più) le palestre di arti marziali. Troppa tecnica, troppi programmi, troppo esercizio, troppo tempo necessario per impadronirsi di qualcosa, troppa enfasi sul proprio metodo spacciato per “via”, troppa pratica regolamentata e direttiva, tutti ora facciamo questo, tutti ora facciamo quello, tutti dobbiamo arrivare là e dobbiamo arrivarci per di qua. Sudore in abbondanza ma finalizzato esclusivamente ai risultati sportivi, oppure al raggiungere livelli sempre più alti di specializzazione in questa o quell’arte marziale. I corpi si incontrano, quando si incontrano, solo attraverso le maglie strette delle regole che caratterizzano la singola arte marziale e seguendone rigidamente i canoni. E, ad ogni modo, solo se e quando lo dice il Maestro.

Naturalmente non tutti i centri fitness, i centri benessere e le palestre di arti marziali sono così. Se qualcuno ha da segnalarmi realtà differenti, sono qui con carta e penna.

Dunque io ho un sogno, visto che non ho ancora trovato un posto. E il sogno è avere un posto da frequentare che funzioni più o meno così…

Mi piace dei centri fitness la formula open. Ho sempre malsopportato di iscrivermi da qualche parte e poterci poi andare dalla-alle, il e il della settimana. E se “il” non posso, o se “alle” non arrivo in tempo? Per non parlare della settimana che proprio non è cosa o del mese che lasciamoperdere. Poi, quando hai tempo e ci sei, ti sei perso tutto un pezzo e ti viene il fiatone a recuperare. Se ci riesci. Per non parlare del fatto che quando arrivi in tempo alle e il giusti, devi fare quello che si fa da programma dalle-alle in quel il che trovi, anche se avresti voluto fare tutt’altro.

Sogno un posto, quindi, dove poter praticare in qualsiasi momento. Ho un’ora di tempo, anche meno, entro mi cambio e vedo chi c’è. Se mi va, un po’ di tecnica, uno scambio di idee, di movimenti, di applicazioni, un intrecciar di braccia, un po’ di combattimento. Se c’è un istruttore ne approfitto per chiedergli qualcosa. Oppure se non ho nulla da chiedere o non so cosa chiedere, mi accodo alla lezione che sta tenendo. Quando devo andare saluto e vado, senza dover aspettare che arrivi l’ora in cui tutti, a comando, salutano e se ne vanno.

Mi piace dei centri benessere l’idea di un luogo dove prendersi cura di sè. Non dei muscoli o delle prestazioni. Di . Non ho mai gradito i posti pieni di specchi dove controllare l’immagine che gli altri hanno di te. Dove ti misuri a chili, centimetri e litri di sudore.  Dove imperano le neolingue di matrice americana, giapponese o cinese. Dove la tecnica, da strumento, diventa ciò di cui bisogna prendersi cura. Dove migliorarsi significa ottenere risultati, non diventare migliori.

Sogno un posto, quindi, per dedicarmi del tempo incontrando persone che dedicano del tempo per incontrarmi. Mi piace l’idea di prendermi cura del mio corpo, del suo muoversi, del suo rafforzarsi, del suo esprimersi, incontrando il movimento, la forza e l’espressività di altri corpi. Non ho voglia di passare il tempo a guardare macchine, tabelle o istruttori: voglio guardare negli occhi i miei compagni e intrecciare pelle, muscoli e sudore in uno scambio di gesti che siano di cura reciproca. Anche se sono pugni, calci, leve, spinte, prese, strattoni e possono produrre lividi, distorsioni, adrenalina.

Mi piace delle palestre di arti marziali l’assunto che ogni arte si impara. Che non si tratta semplicemente di stare bene dentro o di rifarsi la buccia, ma di diventare qualcosa. E che per diventare, qualsiasi cosa si possa diventare, occorre disciplina. Odio il concetto stesso di “mantenimento”, come se il mio corpo, l’io-corpo, fosse un macchinario da lubrificare o un ectoplasma di energia da riequilibrare. Non mi interessa buttare ore e fatica solo per restare quello che sono, o ripristinare ciò che ero, o fare un restyling di ciò che sono diventato. Voglio imparare, crescere, evolvere, muovermi verso il sempre nuovo. Sino ai cent’anni. O quale sarà l’età che mi sarà concessa di raggiungere. E voglio seguire questa via con tutto il corpo. Nelle condizioni nelle quali io-corpo di volta in volta ci troveremo.

Sogno dunque un posto dove praticare con disciplina, capace di inventarsi però una nuova disciplina per praticare. Una disciplina che non mi chieda di vendere l’anima cambiando il mio modo di vivere e allontanandomi dal mondo, ma sia l’anima del mio vivere questo mondo nel modo che mi appartiene.

…poi ho guardato Valerio e ho disegnato per aria una mappa di questo posto-sogno, con tanto di stanze per la tecnica, laboratori di combattimento, atelier di autodifesa, salottini per le chiacchiere, aule per i seminari, e lui mi chiede: ma tu vorresti metterlo in piedi un centro del genere? A parte il fatto che ci vorrebbero una quantità di euro che non riesco neppure a scrivere? sì. E allora ci siamo dedicati alla cosa meno costosa riuscissimo a pensare: scegliere il nome. Ci siamo lasciati con questo compito e dopo un serrato scambio di sms siamo arrivati a questo:

Centro di ricerca marziale per la disciplina dell’incontro corporeo
 
Beh, un po’ lungo, ma nel caso si tratterà di trovare una denominazione breve che lo identifichi. Al momento non abbiamo certo il problema di doverlo dire al telefono. Sognare, del resto, non costa nulla. Al massimo una birra.

Ritmo e corpi. Menozero…

2 commenti

Qualcuno riesce a immaginare cosa abbiamo fatto ieri sera, durante la lezione dimostrativa di Difesa Relazionale e Kung Fu Hung Gar in Umanitaria, accompagnati da queste note….? Beh, provateci.

Intanto quello ci siamo giocati con My Sharona era solo uno dei tanti stimoli. Del resto era una lezione dimostrativa. Una vera tavolozza del corso che seguirà. Si replica venerdì 14 alle 20.15 sempre in Umanitaria, Via S. Barnaba 46 a Milano, dietro il Tribunale.

Ah, incredibile come si possa utilizzare un palloncino gonfiabile di quelli che adora mia figlia. Del resto è proprio giocando con lei che ho pensato a quello che ho proposto ieri sera. Mi sembra sia stato apprezzato dai più. Devo dirglielo…

Si ricomincia

Lascia un commento

Progettando i prossimi appuntamenti di Difesa Relazionale, al sole, davanti a uno specchio d’acqua percorso in lungo e in largo da canoe assortite e fiancheggiato da runners indomiti. Ore di silenzio e musica, ad aspettare le idee. Che sono arrivate direttamente dal corpo, senza farsi pregare.

– Posted using BlogPress from my iPad

Location:Via Circonvallazione Idroscalo,Segrate,Italia

A volte i corpi

4 commenti

Le ho detto se le andava di fare un esperimento. Lei, Cristina, al secolo Piolini, artemovimentoterapeuta. Che non deve neppure essere facile farlo stare su un biglietto da visita. Nel laboratorio di Difesa Relazionale, condotto da me e Monica Massola, era capitato che Cristina transitasse in qualità di educatrice della cooperativa per la quale avevamo organizzato Metafore. Il gesto di Eros. Giusto per trattare di corpo, incontro, attrazione, seduzione e difesa nei luoghi educativi. Ma Cristina, in tutta evidenza, aveva sul tema una preparazione e un’esperienza tutta da spendere, dunque è stato facile tirarla dentro nel pensare e realizzare gli incontri.

Siamo a metà della terza mattina. Insisto sui dati perchè vorrei teneste a mente che Cristina e io non ci conoscevamo prima e in tutto avevamo alle spalle le due mezze giornate precedenti di quel laboratorio. Mentre i partecipanti sono fuori per il meritato intervallo. lasciando Monica, Cristina e il sottoscritto a cincischiare in palestra, mi assale un’intuizione. Che ne diresti di provare a combattere? Proposta strana e indecente, tenuto conto che ho alle spalle decenni di arte marziale e lei è una che ha praticato danzaterapia. Voglio solo provare a vedere come possiamo muoverci assieme accompagnati dalla musica con due regole due, non di più. E’ stata un’impresa convincerla, tipo che mi ha risposto sì ok facciamolo, prima che finissi la domanda.

Ci siamo ritrovati in un picosecondo allacciati dai corpi, dalla musica e da quel “combattimento” definito da due coordinate semplici, semplici: lo scopo era avvolgere l’avversario evitando di farsi avvolgere. Tutto il resto non era permesso, tipo afferrare, colpire, mordere, pizzicare e simili. Se capitava di venire bloccati dal compagno, si trattava di fermare un secondo l’azione e poi riprenderla. Non era una regola, ma l’idea di seguire musica e ritmo era implicita.

E’ stata un’esperienza di una carica espressiva straordinaria. Non ci siamo detti nulla, non abbiamo prestabilito nulla, nel corso del combattimento che è durato almeno cinque minuti e provatevi voi a tirare cinque minuti così, solo i nostri corpi si sono parlati, in un ascolto reciproco raro. Io alzavo continuamente il tiro perchè sentivo la sua presenza incondizionata e la totale assenza, al contrario, di ogni rigidità e contrapposizione. Se qualcuno vuol avere un’idea della mitica “cedevolezza” di cui sono piene le narrazioni di ogni arte marziale, guardatela. Lei non faceva altro che accogliere ogni mio rilancio e usarlo per esprimere la sua energia. Alla fine ci siamo resi conto che in un’improvvisazione del tutto inaspettata, esplosa però non per caso, abbiamo dato letteralmente corpo al senso stesso del laboratorio che stavamo conducendo insieme: corpi, gesti, Eros, seduzione, limite, difesa.

E ringrazio di cuore Monica, che sedotta a sua volta da ciò cui stava assistendo, ha afferrato l’iPhone e ha deciso di riprenderci. Il titolo è di suo pugno e una sua idea, direi grandiosa. Un grazie, naturalmente, anche da parte dei partecipanti ignari: per loro questa è la prima restituzione. E un arrivederci a settembre…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: