Dissolvere problemi – I Legge

Lascia un commento

Di Igor Salomone

In preparazione del laboratorio del 7 e l’8 febbraio a Vanzago, in anteprima mondiale, la prima delle cinque leggi per dissolvere problemi. Seguitemi e vi mostrerò passo passo come dissolvere il problem solving in una prospettiva pedagogica.

I. Legge del guaio
Un guaio non è ancora un problema

Incidenti, eventi inaspettati, tragedie improvvise, elettrodomestici guasti, malattie conclamate, tradimenti, unioni spezzate, finanze al collasso, e poi ancora: nubifragi, epidemie, invasioni di cavallette, siccità, terremoti, pioggia sul week end, la squadra del cuore retrocessa, sostanzialmente, sono tutti “fatti”. Che i più tendono a considerare guai. O anche: sfortune, disastri, contrattempi, punizioni divine. Qualcuno persino opportunità.

Chiamateli come volete, ma non sono “problemi”. Non ancora per lo meno.
Quando un guaio qualsiasi produce una domanda sul che fare di fronte al guaio, allora il guaio diventa un problema in cerca di una soluzione.



Le iscrizioni al laboratorio sono ancora aperte. Per informazioni scrivetemi oppure fate un giro qui

Dissolvere problemi – Pilot

Lascia un commento

di Igor Salomone

Perché, se ci capita un guaio, diciamo che è un problema? Un guaio è un guaio, diventa un problema quando cerchiamo una soluzione. Per questo non dovremmo avere fretta di trovarne una, perché se non funziona ci ritroviamo con due guai.


I problemi si dissolvono in moltissimi modi. Più di quante siano le soluzioni disponibili. Si dissolvono quando scartiamo di lato e li facciamo andare a sbattere contro il nulla, si dissolvono quando sono così maldefiniti che nessuno è in grado di prenderli in mano, si dissolvono quando è passato il loro tempo, si dissolvono per l’assenza prolungata di soluzioni, si dissolvono  quando non c’è il titolare del problema, si dissolvono guardando da una prospettiva differente i guai che li generano, si dissolvono lasciandoti nel bel mezzo dei guai che avevamo tentato di affrontare cercando una soluzione.


Ecco perchè è importante aver sempre presenti le cinque leggi del dissolvere problemi:


I. Legge del guaio Un guaio non è ancora un problema
II. Legge dell’interpretazione Un problema è la sua definizione
III. Legge della via d’uscita Un problema è tale se ammette almeno una soluzione
IV. Legge della moltiplicazione Ogni soluzione genera nuovi guai
V. Legge dell’utilità I problemi servono a imparare dalle soluzioni che non si trovano


Questo è un serial-post e questo è il pilot… quindi non mollate il blog e attendete la prossima puntata. 


(il 7 e l’8 febbraio a Vanzago un intero intenso laboratorio dedicato a Dissolvere problemi. Per informazioni scrivetemi oppure fate un giro qui)

La Legge del guaio

Lascia un commento

guai1

di Igor Salomone

Un Guaio non è ancora un problema

Incidenti, eventi inaspettati, tragedie improvvise, elettrodomestici guasti, malattie conclamate, tradimenti, unioni spezzate, finanze al collasso, e poi ancora: nubifragi, epidemie, invasioni di cavallette, siccità, terremoti, pioggia sul week end, la squadra del cuore retrocessa, sostanzialmente sono tutti fatti. Che  i più tendono a considerare guai. O anche: sfighe, disastri, contrattempi, punizioni divine, qualcuno persino opportunità.
Chiamateli come volete, ma non sono problemi. Non ancora per lo meno.

Questo è l’incipit della Prima Legge di Dissolvere Problemi. In tutto sono cinque, seguite da una quantità di corollari e varianti. Mi sono divertito moltissimo a formulare le une e gli altri. E’ successo qualche anno fa mentre ero alla ricerca di una via d’uscita dall’onnipresente cultura del problem solving.

Perchè mai. mi chiedevo, dobbiamo a tutti i costi risolvere i problemi e, per di più, farlo in modo efficiente ed efficace? Questa domanda stizzita mi frullava nello stomaco da tempo e sentivo il bisogno di variare il punto di vista.
E se per esempio qualche problema lo si lasciasse in pace dandogli il tempo di togliere le tende per conto suo? E poi, siamo sicuri che quando usiamo la parola “problema” intendiamo tutti la stessa cosa? E, sopratutto, un problema è una cosa da togliere di mezzo o da capire? Cosa succede quando riusciamo a toglierlo di mezzo senza averci capito un tubo?

Alla fine ho capito.

Quando un guaio qualsiasi produce una domanda sul che fare di fronte al guaio, e sopratutto di fronte alle reazioni causate dal guaio, allora il guaio diventa un problema in cerca di una soluzione.

E ho iniziato a rifletterci con le persone in formazione, in supervisione, a lezione e nel laboratorio di Esperienze e connessioni che ho chiamato appunto Dissolvere problemi.

L’anno scorso il fuoco del laboratorio sono stati i Guai, quest’anno sono appunto i Problemi. Due appuntamenti in programma:

6 e 7 aprile a Vanzago (Milano)
4 e 5 maggio a Pesaro

Vi incuriosisce questa ipotesi? avete la vostra da dire? scrivetemi, commentate sui social, oppure iscrivetevi ai laboratori mandando una mail a igor.salomone@me.com

Il resto del programma 2018 di E&C lo trovate qui.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: