Il fare e il dire

Lascia un commento

Scritto d’incontro sulla trasmissione dei saperi educativi

Scarica qui

Disabilità e sociomorfogenesi

Lascia un commento

Contributo al seminario “Disabilità complessa e valutazione di esito” tenuto a Malosco il 12/13/14 luglio 2012

Scarica qui.

Dispositivi serali in comunità

Lascia un commento

Riflessioni a margine di una supervisione. Scarica qui

La cura della conoscenza

Lascia un commento

Cap 8 La cura della conoscenza. Di Igor Salomone. Uno scritto del1997 sull’oggetto intenzionale e i vincoli di senso della Scuola

Scarica qui

I luoghi e i corpi

Lascia un commento

I luoghi e i corpi. Scarica qui

Il governo dei vincoli

Lascia un commento

Da bisogni di governo. Edizioni Angeli a cura di Igor Salomone, 2001

Scarica qui

L'incontro di corpi

Lascia un commento

L’incontro di corpi. Scarica qui.

Diritti e cittadinanza nella scuola – Bassano del Grappa 2009

Lascia un commento

Trascrizione dell’intervento che ho fatto nell’ambito di un convegno su disabilità e diritti nella scuola, in occasione del ventennale della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, organizzato dalla Cooperativa Adelante di Bassano del Grappa. La foto è della copertina dell’opuscolo realizzato dalla cooperativa dopo il convegno. Il testo è stato qui ampiamente rimaneggiato, pur mantenendo lo stile originario.
DOWNLOAD

Ero buono per l'istituto tecnico

Lascia un commento

Uno scritto fortunato questo. Lo composi nel 2008 in occasione di un convegno organizzato dalla cooperativa Galdus di Milano sul tema dell’orientamento scolastico. Sapevo che avrei avuto davanti una platea di ragazzi, oltre ai loro insegnanti, per parlare di orientamento. Sapevo anche che erano tanti, il luogo era addirittura un teatro, e riuscire a farmi ascoltare certamente non un’impresa facile. Scelsi così un taglio autobiografico, come il titolo fa ben presagire, scrissi queste pagine che poi feci consegnare e parlai a braccio mentre una persona, sul palco con me, inframezzava il mio discorso con letture di brani scelti di questo scritto. Funzionò. E da allora Ero buono per l’istituto tecnico mi segue ogni volta che devo trattare argomenti simili anche se con pubblci differenti. Penso sarà anche un buon contributo al lavoro che mi accompagna da molti anni sull’eredità paterna.
DOWNLOAD

Assistenza educativa scolastica. Un profilo di servizio

Lascia un commento

Questo scritto, assieme a Faglie semantiche e al profilo di servizio dell’Educativa scolastica, è il risultato di un lavoro fatto per l’Azienda Rete Salute di Lecco e per conto della Provincia omonima.
L’Azienda si era costituita da poco e aveva rilevato le deleghe che i comuni consorziati sino a qualche tempo prima avevano conferito al privato sociale. C’era necessità di raccogliere il gran numero di operatori che a quel punto erano passati dalle cooperative all’Azienda in un progetto comune, operatori che lavoravano appunto nei servizi educativi domiciliari e scolastici.
Adm e Educativa scolastica sono due servizi di confine, che operano in terra straniera come li definimmo allora. Due servizi caratterizzati da una forte individualizzazione dell’intervento e dal fatto di muoversi in casa d’altri: quella delle famiglie e quella degli insegnanti. Fatti che da soli costituiscono il fattore critico di quel lavoro educativo, difficile da delineare nei confini di ruolo e ancor di più nei confini del proprio setting.
Elaborai quindi due schede, una per tipologia di servizio, per delineare un profilo di senso e d’azione per gli educatori. A questo si aggiunse la trascrizione e la sistemazione di una delle lezioni che tenni agli operatori da parte di una delle collaboratrici che presero parte al progetto ed è Faglie semantiche.
Domiciliare e Scolastica sono tuttora servizi in espansione e costituiscono per il privato sociale una fetta importante del lavoro acquisito. Le loro criticità permangono e la tendenza ad evolvere verso forme differenti da un lato più sostenibili, dall’altro capaci di rispondere a bisogni educativi latenti, come l’esperienza di gruppo che nell’Adm non c’è e non a caso si stanno attivando numerose esperienze di centri diurni a partire dal servizio domiciliare, ne sono una conferma.
Penso che questi tre scritti costituiscano ancora una base interessante di riflessione per il rafforzamento e la trasformazione delle due realtà di servizio cui sono dedicati.
DOWNLOAD

Older Entries

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: