Lutti e rutti

Lascia un commento

lutto-banda2

di Igor Salomone

Ci sono momenti che la vogia è di possedere un  ristabilitore semantico. Non so come potrebbe essere fatto, però dovrebbe sicuramente essere una cosa  piuttosto  violenta. Perchè a veder fatte a pezzi le parole, a lungo  andare ci si incazza. Io, per lo meno, mi incazzo.

Le parole sono preziose e delicate. Si corrompono facilmente, basta ripeterle una decina di volte e smarriscono tra la lingua e le orecchie il senso per cui sono nate. Figuriamoci quando una piccola, orfana, anche un po’ cacofonica parolina cade preda dei discorsi collettivi, mediatici, stolidamente colti. Come “lutto”, giusto per fare un esempio…

Da quando la psicoanalisi ha trasforrmato ogni paturnia, ogni graffio esistenziale, la dipartita del gatto, il furto dell’iPhone, una crisi d’amore, i ricordi d’infanzia, in altrettanti lutti, da elaborare ovviamente, ci siamo giocati il senso della perdita e della morte.

Noi umani abbiamo inventato i riti funebri per celebrare la nostra angoscia, condividendola. Se hai parole per nominare il tempo e dunque la coscienza del suo scorrere, ti chiedi inevitabilmente che fine fai quando muori. E, per analogia, che fine fanno quando muoiono le persone a cui tieni. Ogni religione, alla fine, nasce da questa domanda. Il lutto, insomma, è quella pratica sociale che ci aiuta a tollerare la consapevolezza della morte come perdita, definitiva, inappellabile, irreversibile, di una madre, di un padre, di un fratello, di un amico, di una persona in qualche modo cara.

Certo, le metafore. Noi parliamo per metafore, quindi “lutto” può indicare la perdita in senso lato. Sì, ma non allunghiamolo troppo questo lato. Perchè alla fine perdiamo qualcosa in ogni momento, e dovremmo essere in lutto permanente ed effettivo per il milione di cellule che ogni giorno muoiono staccandosi dal nostro corpo per atterrare sul pavimento. Che facciamo, organizziamo un funerale collettivo quotidiano invece di passare l’aspirapolvere?

Il gesto di Eros – Corpo e formazione

1 commento

Scollinata la metà del percorso Metafore, o Meteore come si ostina a chiamarlo Monica Massola che mi accompagna in questa avventura, per la cooperativa Diapason. Ho/abbiamo sudato un bel po’ Monica, io e Cristina Piolini che ci aiuta con la sua esperienza di danzaterapia, e non solo per il caldo. A convocare il corpo sulla scena formativa è inevitabile, e a maggior ragione se assieme al corpo si intrecciano i gesti più o meno preoccupanti del ricercare il contatto con l’altro e le strategie difensive che smuovono. Metafore in realtà era nata per elaborare e affrontare i gesti aggressivi sulla scena educativa, ma è approdata con una certa naturalezza al gesto di Eros, che nei luoghi pedagogici abbonda spesso sotto mentite spoglie, e altrettanto spesso celando al di sotto della superficie liscia e attraente, una soglia di rischio da esplorare ma non varcare. Dunque luoghi, corpi, gesti, strategie difensive, soglie di rischio. Del resto, questa è Difesa Relazionale bellezza…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: