di Igor Salomone

Mi è capitato di vedere questo video su Youtube. Commovente certo ma, non me ne vogliano gli animalisti, la prima cosa che ho pensato in un impeto di antropocentrismo è stata a noi tutti e alla nostra prossima uscita dalla clausura domestica. Fuori! correre, saltare, spintonarsi l’un l’altro, rincorrersi, giocare a rimpiattino. Se qualcuno non ha un desiderio irrefrenabile del genere, lanci una pietra digitale al mio indirizzo ip. Sì certo, non sarà subito così, niente spintoni però, per il resto, restando a distanza di sicurezza…

La seconda cosa che mi è capitata ieri durante una gita fuori porta (di casa mia) alla volta dell’edicola collocata rigorosamente entro i 200m previsti e ancora in vigore, incontro una coppia di amici che non vedevo da mesi. Ovviamente. Abbracci mimati, parole che faticano ad attraversare le mascherine, orecchie che si tendono per carpire le voci mezzo soffocate e tanti racconti a condensare in poco tempo tutto l’accaduto da due mesi a questa parte. Dai, alla fine è bello anche così.

Poi chiedo loro dei due figli, 13 e 17 anni. Mi dicono che sono stati bravissimi, si sono adattati senza particolare difficoltà alla clausura. Sono impegnatissimi sui social e sulle piattaforme didattiche. Non vedranno l’ora di uscire, chiedo con un pensiero fugace alle mucche del video. No. Risposta secca. Stanno bene così. Anche prima aggiungono e così tutti i loro compagni. Non escono volentieri di casa e se lo fanno è per andare a fare questa o quella attività. Infatti, ciò che gli manca veramente è il tennis…

Ho sentito in questi mesi diverse volte dire che bambini e ragazzi “si sono comportati in modo sorprendente” in questa circostanza. Ora mi chiedo se è una buona o una cattiva notizia. O, per lo meno, comincio a intravederne il lato preoccupante. Sopratutto perchè quello che mi hanno detto i miei due amici è che non si tratta di paura, ma di abitudini già consolidate prima dell’epidemia. 

Ovviamente noi ci siamo dati all’amarcord. Una vita trascorsa in piazza, su una panchina o sul muretto, prima le ore a giocare in cortile, in ogni caso senza i genitori tra i piedi e fuori di casa. Che accidenti è successo nel giro di una generazione? Che ruolo ha l’educazione in tutto ciò?

Direi che è un ottimo argomento per la settima Pillola pedagogica. Quindi, a mercoledì! Per chi ancora non lo sapesse troverete il nuovo episodio del podcast qui